La giornata più sfavillante e attesa dell’anno si è conclusa, portandosi via, almeno per qualche giorno, tavolate imbandite di prelibatezze e decorazioni. Oggi è il giorno dopo, il giorno del bilancio. Inutile nasconderlo, qualcosa è sicuramente avanzato, quel “per sicurezza faccia due etti” in gastronomia, quel “per non deludere nessuno, Panettone e Pandoro”, quel “un aperitivo con brindisi prima di sedersi a tavola ci vuole”. Ed è così che insalata russa, affettati, dolci e frutta secca fanno immancabilmente capolino da frigoriferi e dispense la mattina del 26. Difficilmente, tra i golosi avanzi di Natale, per tradizione non possono mancare: salmone affumicato, robiola o altro formaggio spalmabile comprato in grandi quantità per le classiche tartine, noci, arachidi o anacardi del fine pasto o del fantomatico aperitivo e, sicuramente, qualche fetta di Pandoro. Quello che non manca a Santo Stefano (e nelle giornate seguenti) è senza dubbio la golosità, non più da abbuffata festosa ma da stuzzichino sfizioso, veloce e rilassante davanti al caminetto acceso. Oggi nessuna meta lontana, nessun viaggio culinario, ma la calma della casa e di un paesaggio innevato che fa capolino da dietro le tende. Un goloso spuntino “da divano” con i deliziosi ricordi del pranzo di Natale.

paesaggioingredienti-natale

Ricetta per 4 persone:

4 fette di Pandoro spesse circa un centimetro (oppure due mini-Pandori da 80 g)

200 g di robiola

50 g di yogurt greco

100 g di salmone affumicato

1 cucchiaio di anacardi

Un mazzetto di erba cipollina

Un mazzetto di aneto

Uno spicchio d’aglio

Sale e pepe q.b.

Iniziare stemperando la robiola con lo yogurt greco e aggiungendo lo spicchio d’aglio leggermente schiacciato, le erbette aromatiche tritate finemente, sale e pepe a piacere. Amalgamare con cura e far insaporire per almeno un’ora. Nel frattempo, con l’ausilio di un coppa pasta o di un taglia biscotti a forma di stella, ricavare otto parti di Pandoro. Tostarlo da ambo i lati, in una pentola antiaderente ben calda, fino ad ottenere una crosticina dorata e croccante. Salare leggermente. Tritare grossolanamente gli anacardi e tostarli velocemente in padella. Spalmare una prima fetta di pane dolce con la robiola aromatizzata, aggiungere il trito di anacardi, una fetta di salmone affumicato, qualche fogliolina di aneto, e richiudere con una seconda fetta cosparsa di formaggio sul lato inferiore. Procedere in questo modo per tutti e quattro i sandwich natalizi, che potrete servire, chiudendoli con uno stecchino, su un bel vassoio per uno spuntino/aperitivo che sa ancora di Natale.