Il risotto al Panettone l'ho pensato una mattina mentre alla radio parlavano di San Biagio, tipica ricorrenza del milanese e della zona di Monza Brianza, ma noto anche nella patria dove sono stato adottato, l'Ossola. Sicuramente il primo pensiero va all'Ospedale del capoluogo ossolano, che porta il nome del Santo, Vescovo nato intorno al 300 la cui leggenda narra che si dimenticò di benedire un Panettone e, convinto che la proprietaria se ne fosse dimenticata, lo mangiò. Per sua sfortuna questa andò a reclamarlo e lì avvenne il miracolo: il Vescovo convinto di andare a prendere il sacchetto vuoto lo trovò gonfio, con il Panettone all’interno. A questa storia ho ispirato la mia ricetta che per gli amanti del riso potrebbe risultare alquanto azzardata, ma io amo giocare con sapori e consistenze, tra i confini del dolce e del salato.

risotto al panettone

Ricetta per 4 persone:

320 g riso

500 g Panettone

160 g Bajta

2 cucchiai di Grana

500 ml di brodo di carne

Burro

Sale

Olio evo

Il primo passaggio prevede la tostatura del riso, che io preferisco effettuare a secco. Aggiungiamo il Panettone tagliato a cubetti e aggiustiamo di sale e pepe. Bagniamo con il brodo di carne caldo e portiamo a cottura aggiungendo il brodo man mano che questo viene assorbito (per arrivare a cottura ci vorranno circa 15/18 minuti). Nel frattempo tagliamo il Panettone ottenendo fettine sottili, adagiamole su una teglia da forno precedentemente foderata e irroriamo il tutto con un filo d'olio evo, passiamo quindi ad infornare il tutto a 200°C fino al raggiungimento della giusta “croccantezza”. Sforniamo le cialde e facciamole raffreddare. Trascorso il tempo di cottura del riso, spegniamo il fuoco e mantechiamo il tutto con il Bajta (formaggio a pasta molle con crosta lavata e grasso), aggiungiamo Grana e una noce di burro, regoliamo di sale. Distribuiamo nei vasetti e completiamo il piatto con le fettine di Panettone croccante.