Un incontro di ingredienti da nord a sud: il bitto della Valtellina e le mandorle e i pomodori secchi siciliani. Con questa ricetta ho voluto coniugare elementi geograficamente lontani ma incredibilmente vicini per quanto riguarda i sapori, che si esaltano reciprocamente. I coloratissimi fiori eduli che abbelliscono questo risotto sono le infiorescenze della salvia all'ananas, un'erba aromatica che ha il profumo, e il gusto, del più versatile dei frutti tropicali. Si può coltivare anche in vaso: un vero foodie non può certo farsela mancare!

 risotto-bitto-pesto-mandorle-pomodori

Ricetta per 4 persone:

brodo leggero di pollo q.b.

300 g riso Sant'Andrea

40 g pomodori secchi

40 g mandorle pelate

40 g bitto storico, media stagionatura

una noce di burro

In un tegame ben caldo tostare il riso per un paio di minuti, sfumare con un mestolo di brodo bollente e continuare ad aggiungere liquido poco alla volta, portando a cottura per circa 17'. Nel frattempo frullare i pomodori secchi con un cucchiaio del loro olio, le mandorle e poco brodo, in modo da ottenere una consistenza cremosa. Quando il riso sarà cotto spegnere il fuoco, incorporare la metà del pesto, il bitto grattugiato e il burro. Mantecare per un paio di minuti e servire accompagnato dal pesto restante.