Il mio Food Box Casa Rinaldi di oggi narra di un incontro, un derby culinario tra il nord e il sud della mia terra d’origine: il Piemonte. Il più tradizionale dei prodotti altopiemontesi, il riso Carnaroli, viaggia verso le Langhe incontrando profumi e colori esuberanti, unici nel loro genere. L’arancione vivace del peperone, letto d’eccellenza per la salsa più famosa del Nord Italia, la Bagna Caoda (o salsa calda), un mix di saporite acciughe, profumatissimo aglio e avvolgente olio extravergine d’oliva. Ma quando si parla di Langhe, non si può fare a meno di citare il re incontrastato della cucina locale: il tartufo. In questo piatto, burro e acciughe si sposano con il tartufo estivo, bilanciando la dolcezza del peperone. Una festa di sapori dalla terra che ospita la sagra più attesa dell’autunno culinario, quella del tartufo di Alba.

 langheingredienti-langhe

Ricetta per 4 persone:

300 g di riso Carnaroli super fino Casa Rinaldi

1 spicchio d’aglio

40 g di burro al tartufo Casa Rinaldi + una noce

40 g di burro classico

50 g di acciughe al tartufo Casa Rinaldi

Brodo vegetale q.b.

Parmigiano a piacere

Un bicchiere di vino bianco fermo

Sale e pepe q.b.

Per la crema al peperone:

50 g di peperoni essiccati Casa Rinaldi

30 g di acciughe al tartufo Casa Rinaldi

½ spicchio d’aglio

Due cucchiai ca. di brodo

Due cucchiai di olio e.v.o. + un filo

Due cucchiai di aceto di vino

Sale q.b.

Iniziare mettendo in ammollo, per una ventina di minuti, i peperoni, sommergendoli totalmente in acqua tiepida e aceto. Nel frattempo tostare il riso con i burri, uno spicchio d’aglio leggermente battuto e le acciughe. Sfumare con il vino bianco e portare avanti la cottura con del brodo. Salare e pepare. Intanto, strizzare i peperoni e conservarne l’acqua per bagnare di tanto in tanto, insieme al brodo, il risotto. Tritare i peperoni e passarli in una bagna caoda rapida realizzata sciogliendo le acciughe in un filo d’olio e.v.o., insieme a mezzo spicchio d’aglio. Versare tutto nel bicchiere del mixer e frullare aggiungendo un paio di cucchiai di brodo e un paio di olio e.v.o. a filo. Una volta ottenuta una crema omogenea e dal colore vivace aggiustare di sale. Mantecare il risotto, ormai a cottura ultimata e a fuoco spento, con la crema di peperone (conservandone a piacere un cucchiaio per l’impiattamento), il parmigiano e una noce di burro al tartufo.