La foto ha carattere esemplificativo. Nel caso di incongruenze fanno fede le informazioni contenute nella scheda descrittiva.

Blanc des Rosis 2016 Mario Schiopetto

2016 - Mario Schiopetto

Cod: WZA0391

13,50 €
  • Denominazione Venezia Giulia IGT
  • Produttore Mario Schiopetto
  • Regione Friuli Venezia Giulia
  • Tipologia Bianchi
  • Anno 2016
  • Vitigno friulano, sauvignon, pinot bianco, pinot grigio
  • Gradazione 13%
  • Formato 0,75 l
  • Temperatura di Servizio 10-12°
  • Colore giallo paglierino con riflessi verdolini
  • Profumo intenso di frutta gialla con venature di fiori di campo che donano eleganza e finezza
  • Gusto morbido, intrigante e di buona persistenza, profumato e dal finale lievemente minerale
  • Abbinamenti aperitivi, primi piatti a base di pasta, frutti di mare e piatti cremosi di funghi

La scelta di Locanda Italia

Mario Schiopetto è un produttore che ha partecipato all’evoluzione dell’enologia italiana nell’ultimo secolo e oggi rappresenta la figura di riferimento per vini bianchi moderni, innovativi e di grande riconoscibilità. Dalle idee brillanti e geniali del noto enologo friulano nasce l’intuizione di unire le uve locali con quelle dei nobili terroir francesi. L’etichetta Blanc des Rosis rappresenta non solo questo esperimento in cantina ma anche la nuova viticoltura friulana; a distanza di tre decenni dalla produzione della prima bottiglia, oggi il Blanc de Rosis è diventata la punta di diamante dello stile classico e allo stesso tempo innovativo di Mario Schiopetto.

Il Produttore

Pioniere del primo “Tocai” in purezza, Mario Schiopetto è il primo produttore del Friuli Venezia Giulia a modernizzare la tradizione vinicola del territorio, rivoluzionando anche la concezione del vino bianco italiano. Negli anni 50 eredita la vecchia osteria di famiglia, punto di riferimento per la cucina casereccia e il buon vino. Successivamente, guidato dalla passione per il mondo enologico, inizia a dedicarsi regolarmente alla produzione di vino. Presto arriva l’incontro con i grandi esploratori e pionieri dell'enologia moderna: da Piero Antinori ad Angelo Gaja fino a Luigi Veronelli, con il quale intraprende un lungo viaggio in giro per il mondo alla ricerca di nuovi metodi di vinificazione e produzione. In Germania compra i pali di pino per le vigne e scopre la tecnologia applicata alle tecniche di vinificazione, mentre in Francia rimane catturato dall’eleganza dei suoi vini e raccoglie una serie di idee, importanti per costruire lo stile “Schiopetto”. Oggi l’azienda vinicola è portata avanti dalla famiglia Rotolo che con cura e dedizione continua a produrre nel segno della filosofia e della passione di Mario Schiopetto.