La foto ha carattere esemplificativo. Nel caso di incongruenze fanno fede le informazioni contenute nella scheda descrittiva.

Bianco Venezia Giulia 2015 Mario Schiopetto

2015 - Mario Schiopetto

Cod: WZA0959

36,20 €
  • Denominazione Venezia Giulia IGT
  • Produttore Mario Schiopetto
  • Regione Friuli Venezia Giulia
  • Tipologia Bianchi
  • Anno 2015
  • Vitigno 50% tocai friulano, 50% chardonnay
  • Gradazione 13,5%
  • Formato 0,75 l
  • Temperatura di Servizio 13°
  • Colore giallo paglierino intenso con riflessi dorati
  • Profumo delicato ed elegante, prima note di frutta matura poi mandorla dolce e crema pasticcera
  • Gusto elegante, caldo e di corpo, con note di frutta pera e mela cotogna su tutte, fresco, intenso e minerale
  • Abbinamenti primi piatti, zuppe di pesce e carni bianche, da provare con il filetto di tonno o il pesce spada

La scelta di Locanda Italia

Il Bianco Venezia Giulia rappresenta l’anello di congiunzione fra il mondo vinicolo occidentale e la tradizione enoica friulana: l’internazionalità dello chardonnay unita alla tradizione del tocai friulano. L’idea nasce dalla mente pionieristica di Mario Schiopetto e dai suoi viaggi in giro per il mondo, dai quali apprende nuove idee e suggerimenti, successivamente interpretati nello stile personale dei suoi vini. Questa etichetta racchiude l'innovativa filosofia aziendale ed esprime la potenzialità e la vocazione del territorio friulano. Un vino bianco che ha il desiderio di raccontarsi alla degustazione, sorso dopo sorso.

Il Produttore

Pioniere del primo “Tocai” in purezza, Mario Schiopetto è il primo produttore del Friuli Venezia Giulia a modernizzare la tradizione vinicola del territorio, rivoluzionando anche la concezione del vino bianco italiano. Negli anni 50 eredita la vecchia osteria di famiglia, punto di riferimento per la cucina casereccia e il buon vino. Successivamente, guidato dalla passione per il mondo enologico, inizia a dedicarsi regolarmente alla produzione di vino. Presto arriva l’incontro con i grandi esploratori e pionieri dell'enologia moderna: da Piero Antinori ad Angelo Gaja fino a Luigi Veronelli, con il quale intraprende un lungo viaggio in giro per il mondo alla ricerca di nuovi metodi di vinificazione e produzione. In Germania compra i pali di pino per le vigne e scopre la tecnologia applicata alle tecniche di vinificazione, mentre in Francia rimane catturato dall’eleganza dei suoi vini e raccoglie una serie di idee, importanti per costruire lo stile “Schiopetto”. Oggi l’azienda vinicola è portata avanti dalla famiglia Rotolo che con cura e dedizione continua a produrre nel segno della filosofia e della passione di Mario Schiopetto.